FastOpinion Beauty,  Review makeup

Dreamy Matt Liquid Lipstick di Nabla, cosa ne penso.

Bentornati sul blog, ritorno dopo diverso tempo con una #FastOpinion nonché una recensione molto veloce. Oggi ho deciso di parlarvi di rossetti, in particolare quelli di Nabla, i Dreamy Matt liquid Lipstick. Al momento ho provato tre diverse colorazioni e non credo ne acquisterò altre. Dopo vi spiego il motivo

Rossetti di Nabla Dreamy Matt Liquid Lipstick
Rossetti di Nabla

Eccoli qui!! In questi anni ho acquistato il famosissimo Silk Road, un bellissimo rosso metallizzato. Placebo, un rosso mattone piuttosto scuro ed infine Baudelaire un rosso un pochino più chiaro. ( scusate non sono brava a descrivere le colorazioni)

Swatches dei rossetti Dreamy Matt Liquid Lipstick
Swatches dei rossetti

I colori come potete vedere sono molto belli e per quello non ho nulla da dire purtroppo però non mi piacciono per diversi motivi.

Parto da Silk road, il più importabile per me e mi dispiace tantissimo. Ha un colore spettacolare che mi ha colpita sin da subito. L’ espetto negativo è che secca tantissimo le mie labbra e dopo qualche minuto iniziano a darmi fastidio. Anche l’ effetto su di me non è per niente bello da vedere.

Placebo e Baudelaire invece riesco a portarli anche per due orette poi inizio a sentire la necessità di toglierli. All’ interno ci sono delle sostanze idratanti che non riescono ad idratare a fondo le mie labbra quindi non posso darvi un’ opinione a 360 gradi perché non li ho mai indossati per più di due ore.

Posso però garantirvi che sono No transfer e totalmente opachi.

Si stendono facilmente e si asciugano totalmente dopo qualche minuto. Ecco perché credo che non acquisterò più i Dreamy Matte Liquid Lipstick; la formula non è adatta alle mie labbra.

Ecco anche per oggi è tutto. Recensione super veloce solo per dirvi di stare attente e non fate come me che ne ho acquistati due insieme senza conoscerli per bene hihi.

Qui vi lascio un articolo dove vi parlo di rossetti che mi sono piaciuti molto.

A presto con il prossimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *